Continental, in Italia il bilancio 2016 è decisamente a segno più


Bilanci positivi e picchi record per le gomme Continental, che nel 2016 ha raggiunto con facilità gli obiettivi prefissati; la sfida ora è consolidare la crescita nell’anno in corso, grazie anche al lancio di quattro nuovo pneumatici per moto, presentati all’ultimo salone Eicma.

Un bilancio 2016 chiuso con un segno più accanto ai principali indicatori economici, e un 2017 che attende il lancio di quattro nuovi modelli di gomme, già presentati con successo all’Eicma 2016: è questa la sintesi dello stato di salute, senza dubbio ottimo, del Gruppo Continental, che a livello globale ha visto un incremento delle vendite del 3%, arrivando a circa 40,5 miliardi di euro, con un picco record nei volumi di gomme, che hanno superato quota 150 milioni.

Bene anche in Italia. Anche a livello italiano la situazione è positiva, con la filiale tricolore di Continental che si occupa di pneumatici ha visto crescere tutte le business unit, ossia tutte le linee di prodotto, come dichiarato di recente da Alessandro De Martino, amministratore delegato di Continental Italia.

Stabili le gomme auto. In realtà, il dato italiano per il comparto automobilistico è stato leggermente inferiore alle attese in termini di volumi, pur mantenendosi sostanzialmente stabile; in crescita soprattutto il segmento invernale, mentre di conseguenza sono calate le gomme estive. Tuttavia, la tendenza che emerge è quella di una forte evoluzione del mercato italiano dal punto di vista della struttura distributiva, dove un ruolo di rilievo è ormai giocato dai rivenditori online.

La forza dell’online. Un segmento in cui uno dei pionieri è stato Euroimport Pneumatici, attivo ormai da 10 anni in questo business sul Web, e diventato oggi un punto di riferimento per tutti gli appassionati di due ruote alla ricerca di gomme Continental moto. Un catalogo che a breve si amplierà di quattro nuovi modelli, come annunciato nel corso dell’ultimo salone dell’Eicmadi Milano.

Un nuovo arrivo. La famiglia di pneumatici Continental si amplia innanzitutto con il nuovo Continental ContiRoadAttack 3, dedicato espressamente agli appassionati dello sport touring: questo prodotto, che rappresenta l’ulteriore evoluzione del classico ContiRoadAttack 2 EVO, si contraddistingue per nuove tecnologie, come la TractionSkin (che riduce la “entrata in temperatura” delle gomme, garantendo sicurezza estrema, attraverso una nuovo sistema di stampi per la vulcanizzazione, che elimina la necessità di agenti distaccanti), la MultiGrip (che aumenta la durata e migliora il grip ottimale in angoli di piega estremi), la ZeroDegree (costituita da una spiralatura a 0° in cavi d’acciaio che garantisce stabilità ad alta velocità e ridotto kickback) e infine RainGrip, che migliora l’aderenza sul bagnato.

I modelli per touring, cruiser e città. Aumentata anche la selezione di pneumatici per moto touring e cruiser, che potrà contare sulle versioni ContiTour e ContiLegend (dal design vintage e tecniche come le scanalature multiple per il drenaggio ottimale), gomme studiate su misura per le esigenze di cruiser, chopper e moto custom. Infine, per i biker cittadini è stato pensato il Continental ContiCity, pneumatico “Allround” di nuova concezione che offre un ottimo grip su strada grazie al suo design di forma triangolare.

Obiettivo 2017. Questi nuovi modelli potrebbero aiutare l’azienda a consolidare la crescita conosciuta nel corso di questo 2017 che, “seppure ancora su numeri relativamente piccoli”, come ha ammesso ancora De Martino, ha comunque consentito l’ingresso di Continental “nella lega dei big”, grazie a un 2016 eccellente e di forte accelerazione nelle vendite per il segmento moto.

La strada da fare. Il segreto del successo, secondo l’ad di Continental Italia, è nella produzione di pneumatici “che stanno riscuotendo molto successo, soprattutto da parte degli appassionati e dei clienti finali. Pensiamo quindi di essere sulla strada giusta, come ha dimostrato anche il successo che abbiamo avuto adEicma lo scorso novembre. Insomma possiamo dire di avere svoltato anche sul settore moto e da una situazione di crescita siamo arrivati ad una situazione di stabilità, con spazio per fare ancora meglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *