Mototurismo in Sardegna

La Sardegna… un’isola al centro del Mediterraneo, dove acqua e terra di fondono per creare un unico ed inimitabile spettacolo della natura. Sono approdato qui circa 9 anni fa e pian piano ho imparato a conoscerla, ad apprezzarla e soprattutto a rispettarla. Su questa terra ho trovato mia moglie, ho trovato una famiglia che mi ha accolto come un figlio, ho trovato un sacco di motociclisti che prima di tutto sono amici. E’ vero, la mia terra natìa mi manca, ma la Sardegna ha così tanto da offrire che mi fa sentire meno la nostalgia di casa… tant’è che ormai la mia casa è questa. Grazie alla passione per le due ruote, ad ogni uscita scopro angoli nuovi ed inaspettati di questa bellissima terra, incontro gente fortemente legata alle proprie tradizioni ed alla propria cultura, fin tanto da riuscire ormai ad apprezzare ogni piccola sfumatura che differenzia un paese dall’altro. Ho imparato a conoscerla abbastanza bene, tant’è che spesso mi sento dire : “sei più sardo di un sardo”. Sono sempre alla continua ricerca di tutto ciò che differenzia una località da un’altra sotto l’aspetto della cucina, delle tradizioni, dell’artigianato… eppure quando guardo la cartina geografica mi rendo conto che non basterebbe una vita per imparare tutto di questa meravigliosa isola. Il mio unico strumento per far apprezzare la Sardegna lontana da quello che è l’aspetto del turismo di massa, è proprio guidando la mia Mula tra le strade costiere, dell’entroterra, attraversando paesini dai nomi inconsueti e particolari, luoghi dove domina il silenzio, e laddove sembra si senta una voce è solo il vento di maestrale a gridare cupo tra le gole delle montagne. Per molti Sardegna è sinonimo di vacanze, ma io sono fiero di conoscere un’altra Sardegna, quella nascosta agli occhi del mondo, quella che sa regalare emozioni uniche e rare, quella che rimane nascosta dietro una maschera dei Mamuthones, sotto le pietre di un nuraghe abbandonato, dentro l’abito tradizionale indossato in una domenica di festa a Desulo, nella voce dei Tenores che riecheggia tra le viuzze di Bitti, tra gli intrecci delle lorighittas, nelle mani sapienti di una donna seduta al telaio e di chi invece sdraiata sul pavimento di una antica casa di Fonni inforna il pane carasau che si gonfia nell’avvicinarsi al fuoco…

Mi auguro che con questo sito riesca a trasmettere ciò che si può vivere in quest’isola durante tutto l’anno.

2015

Lungo la Strada della Malvasia di Bosa ed appuntamento con i Giganti di Mont’ e Prama

In moto attraversando la Costa Verde, Cabras ed il Montiferru

Ritorno a Carloforte

Tra le montagne della provincia di Cagliari

2014

L’arcipelago de La Maddalena ed Isola di Caprera

L’Ogliastra

La Miniera di Malacalzetta… in off-road

Prima uscita con l’Africa Twin: lungo la costa sud-occidentale della Sardegna

2013

L’isola di San Pietro e Carloforte NEW!!!

Giare e Nuraghi

Tra miniere e natura selvaggia

Tour di Sant’Antioco in moto

2012 

La Costa di Oristano

Cortes Apertas 2012: Mamoiada

A Nord di Oristano

Cortes Apertas 2012: Lula

Cortes Apertas 2012: Austis

Giro del Sulcis… con grigliata finale!

Tramudas: Gli itinerari della transumanza in Sardegna – II° Giorno

Tramudas: Gli itinerari della transumanza in Sardegna – I° Giorno 

Ulassai: Folk & Sapori 2012

L’entroterra di Oristano

Una “capatina” a Dorgali

Castelsardo: su nuove strade, con la prua verso nord

La costa dell’Iglesiente in inverno

2011

In quad tra i monti della Barbagia

Cortes Apertas 2011: Ovodda

Cortes Apertas 2011: Meana Sardo

Mattinata d’agosto a Villasalto

Primavera in Ogliastra 2011: Baunei

La Penisola del Sinis

Portoscuso: piccola perla del Sulcis

Da Marceddì ad Arbus: tra mare e monti

Alla scoperta di nuove strade

2010

Cortes Apertas 2010: Fonni – la galleria fotografica

Cortes Apertas 2010: Fonni

Tacchi d’Ogliastra

Una soleggiata domenica autunnale + galleria fotografica

Cortes Apertas 2010: Teti

Tra calette, curve e culurgiones

Birras 2010

Una circonferenza…. di curve

2009

Mare d’inverno

Alghero: un pezzo di Spagna in terra sarda

Cortes Apertas 2009: Orani

Cortes Apertas 2009: Bitti

Tra templi e miniere con un finale non solo biondo: Birras 2009

Da Dolianova ad Arbatax

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *