Archivi tag: Racing

Braking: parola d’ordine, passione

Un insieme di elementi, a cominciare da quattro parole scelte come simbolo stesso dell’aziendatecnologia, qualità, ma anche passione e adrenalina. È questa la descrizione sintetica che accompagna ogni nuovo prodotto realizzato dalla Braking, il marchio italiano nato nel 1990 che ha saputo conquistare un ruolo sempre più di rilievo nell’ambito della realizzazione di impianti frenanti after market per motoveicoli, grazie anche all’esperienza maturata nel settore delle competizioni motoristiche di velocità, come il campionato mondiale Superbike.

Per tutte le esigenze. Il nome stesso dell’azienda rappresenta il marchio di fabbrica, chiarendo immediatamente il rapporto con la frenata: difatti, oggi Braking è sinonimo di specialisti nell’ambito della produzione di pezzi di ricambio per uno dei comparti più delicati delle moto, quello che riguarda appunto freni e trasmissione, con tre diverse tipologie di intervento e di applicazione. Oltre al comparto “Racing“, dedicato a chi compete a ogni livello, con una speciale produzione che ricalca i prodotti usati dai campioni del Mondo in gare di velocità, fuoristrada e supermotard (quasi 100 campionati mondiali vinti in assoluto, secondo quanto dichiarato dall’azienda nel “company profile” sul sito), esistono infatti anche le linee adatte a un utilizzo più quotidiano delle due ruote, battezzate Challenge (pensata per gli amanti della customizzazione, grazie a ricambi di performance e qualità superiori rispetto all’originale) e “Urban“, che invece è la gamma base di ricambio, con servizi disponibili su un’ampia serie di modelli.

Parola d’ordine, passione. La filosofia alla base dell’azienda, come detto, ha due capisaldi, ovvero la passione per le moto e le alte prestazioni che si abbina alla ricerca continua dei miglioramenti tecnologici per elevare l’asticella della qualità: è in questo modo che vengono realizzati i componenti presenti in catalogo, sempre più apprezzati dai centauri. Molto importante per la diffusione del marchio, poi, è la possibilità di visualizzare e acquistare i prodotti anche attraverso i più nuovi canali di vendita, come i distributori online: ad esempio, sul portale specializzato Omnia Racing è possibile trovare tutti gli ultimi modelli di impianti frenanti Braking, tra cui scegliere il più adatto alle proprie esigenze, anche economiche, oltre che ovviamente corrispondente alla propria moto (qui per maggiori informazioni).

L’invenzione della margherita. Uno dei fiori all’occhiello della società, nonché straordinario successo commerciale, è l’invenzione del disco freno denominato “a margherita”, o nell’accezione aziendale il disco Wave, che ha praticamente rivoluzionato il concetto stesso di freni a disco, grazie a una forma irregolare (che ricorda appunto il design di una margherita) che permette una maggiore e migliore dispersione del calore, rendendo di fatto più veloce il raffreddamento del disco e più agevole la frenata, elevando il limite delle prestazioni dei freni a disco in acciaio. Frutto di un approfondito e continuo studio tecnico su materiali e comportamento, oltre che sul calore e sulla sua dissipazione, il risultato raggiunto dalla Braking ha creato un nuovo standard, rapidamente adottato sia nel campo agonistico che per soluzioni private e quotidiane.

Tanti segni più. I dischi freno della linea WAVE, disponibili per un montaggio sia all’anteriore che al posteriore, sono realizzati in acciaio inossidabile ad alto contenuto di carbonio e ad elevato coefficiente d’attrito, e sono pensati per adattarsi praticamente a ogni modello di moto, grazie a misure originali e a diametro maggiorato, flottanti e fissi, che li rendono intercambiabili ai dischi freno originali, con il notevole vantaggio di assicurarsi caratteristiche e prestazioni superiori: gli impianti Braking, infatti, garantiscono un peso inferiore, una migliore resistenza al calore, un maggior controllo sulla frenata, e in contemporanea un aumento del potere frenante, e infine una grande modulabilità. Inoltre, la gamma “a margherita” sviluppata per le moto da fuoristrada consente anche di smaltire meglio i detriti e il fango, mentre attraverso la conformazione irregolare puliscono anche le pastiglie dei freni.